Italiano nelle scuole dell'obbligo del Canton Argovia: sì o no?

Petizione: avanti con l’italiano nel Canton Argovia!

Risonanza nei media e lettere

Il Canton Argovia intende dimezzare l’insegnamento dell’italiano come materia facoltativa alla Bezirksschule/Sekundarschule/Realschule per motivi di risparmio. Questa misura è inaccettabile perché:

I firmatari chiedono al Consiglio di Stato di lasciare inalterata e senza riduzioni l’offerta della lingua italiana nella scuola pubblica argoviese. In Svizzera l’interesse e la comprensione delle altre regioni linguistiche da parte dei nostri giovani devono essere incoraggiati!

La petizione viene promossa e sostenuta da:

Fachschaft Italienisch des Aargauischen Bezirkslehrerinnen- und Bezirkslehrervereins (Sek I): Ferreri Maria, Huonder Annamaria, Iacopetta Marilena, Müller Hans-Paul, Spadea Irene Beck-Matti Beatrice, Grossrätin, Schafisheim / Bernasconi Luca, Leiter Immunologie, Kantonsspital Aarau / Callà Davide, Fussballspieler FC Aarau / Erba Diego, coordinatore del Forum per l’italiano in Svizzera / Felder Anna, Schriftstellerin, Aarau / Genoni Marco, Vize-Gemeindepräsident, Suhr / Langone Giosuè, Società Dante Alighieri Aarau / Martignoni Bruno, Fussballspieler FC Aarau / Ostini-Canonica Myriam, Pro Ticino, Suhr / Sperduto Donato, presidente ASPI: associazione svizzera dei professori di italiano

PER FIRMARE LA PETIZIONE CLICCA QUI!


Rapporto della commissione svizzera di maturità

Dopo più di anno di lavori, il gruppo di lavoro della CSM presenta il suo rapporto. Qui il sito e il rapporto in formato PDF.

"Sotto il profilo giuridico, il gruppo di lavoro interpreta l’attuale formulazione dell’articolo 9 capoverso 7 ORM/RRM concernente l’offerta della disciplina fondamentale «seconda lingua nazionale» riferendola alle singole scuole. Pertanto, nei Cantoni non plurilingui ogni scuola dovrebbe offrire ai suoi allievi come seconda lingua una scelta di due lingue nazionali. Secondo il principio di buona fede, l’offerta dev’essere impostata nel modo più attrattivo possibile, così da dare agli allievi una reale possibilità di scelta."


Settimana della lingua e cultura italiana nel liceo di Briga

Risonanza nei media: ascolta il resoconto di "Ora buca"!


Convegno "Italiamo" organizzato dall'Università della Svizzera Italiana in collaborazione con l'Associazione svizzera dei professori d'italiano (ASPI), 6 e 7 settembre 2013

Primo incontro nazionale dei docenti d'italiano delle scuole medie e medie-superiori all'USI

## La questione dell'italiano in politica
###Dopo il caso Obvaldo e San Gallo: si attende una risposta dalla Commissione Svizzera di Maturità 18 settembre 2012
###Strategie per la diffusione dell'italiano in Svizzera: Tavola rotonda settembre 2012 all'USI, prospettiva di un nuovo convegno nel 2013, italiano in Parlamento, ecc. 26 settembre 2012

22 settembre 2012

17 settembre 2012

10 settembre 2012


Sulla proposta di un forum per l'italiano in Svizzera

31 agosto 2012


Settembre–Ottobre 2011: il caso Obvaldo

2 maggio 2012

1 dicembre 2011

29 settembre 2011

1° ottobre 2011

15 ottobre 2011

16 ottobre 2011

17 ottobre 2011

18 ottobre 2011

19 ottobre 2011

20 ottobre 2011

21 ottobre 2011

22 ottobre 2011

23 ottobre 2011

24 ottobre 2011

26 ottobre 2011

27 ottobre 2011

28 ottobre 2011

29 ottobre 2011

1 novembre 2011

2 novembre 2011

3 novembre 2011

4 novembre 2011

5 novembre 2011

7 novembre 2011

8 novembre 2011

9 novembre 2011

10 novembre 2011

11 novembre 2011

13 novembre 2011

14 novembre 2011

16 novembre 2011

18 novembre 2011

22 novembre 2011

23 novembre 2011

24 novembre 2011

25 novembre 2011

30 novembre 2011

1 dicembre 2011

3 dicembre 2011

6 dicembre 2011

12 dicembre 2011

13 dicembre 2011

14 dicembre 2011

27 dicembre 2011

28 dicembre 2011

31 dicembre 2011

8 gennaio 2012

2 maggio 2012


Marzo 2011: L'italiano, terza lingua nazionale?

15 aprile 2011 Articolo "L'italiano, terza lingua nazionale?" nella Cooperazione e la versione PDF


Marzo 2011: "post San Gallo", si muovono le acque!

Trasmissione televisiva "L'italiano è ancora lingua nazionale?" con Marina Carobbio, Eleonora Rothenberger, Verio Pini e Gabriele Gendotti.



Gennaio-febbraio 2011: Il Canton San Gallo propone l'abolizione dell'italiano nei licei

Nel giro di poco più di un mese il Canton San Gallo voleva approvare il 15 febbraio 2011 un pacchetto di risparmio di 54 interventi. Uno di essi prevedeva l'abolizione dell'italiano come materia di maturità. Sarebbero restati solo corsi facoltativi. Che della nostra lingua nazionale? Che ne sarebbe stato degli sforzi della Confederazione rivolti all'attuazione della nuova legge sulle lingue e al sostegno di progetti di scambio in altre regioni linguistiche? Che ne sarebbe stato dei futuri professionisti che non avrebbero avuto modo di imparare la TERZA LINGUA più usata nel mondo del lavoro in Svizzera tedesca (ovviamente tedesco escluso)? Fonte: Sprachenlandschaft Schweiz, pp. 112-113, 2000.

La questione nei media: rassegna stampa di oltre 70 contributi

13 gennaio 2011

18 gennaio 2011

19 gennaio 2011

20 gennaio 2011

21 gennaio 2011

22 gennaio 2011

24 gennaio 2011

25 gennaio 2011

26 gennaio 2011

27 gennaio 2011

28 gennaio 2011

29 gennaio 2011

31 gennaio 2011

1° febbraio

2 febbraio

3 febbraio

4 febbraio

5 febbraio

6 febbraio

7 febbraio

8 febbraio

9 febbraio
Il 9 febbraio è avvenuta la consegna delle oltre 6000 firme raccolte in 3 settimane! Un enorme grazie a tutti coloro che hanno contribuito!

10 febbraio


11 febbraio

12 febbraio

15 febbraio
CE L'ABBIAMO FATTA!!! Con 67 a 45 voti l'abolizione è stata rifiutata!!!

16 febbraio


19 febbraio

21 febbraio


Documenti attinenti alla questione (ante 2011)





Petizione nazionale: 10 milioni per finanziare scambi linguistici

Vi preghiamo di sottoscrivere e di inviare questo link anche a tutti i vostri colleghi, studenti e conoscenti: Petizione online (tempo richiesto: 15 secondi)


Discussione sul "Fremdsprachenunterricht auf Sekundarstufe II":

Stellungnahme VSG / Prise de position VSG-SSPES / Stellungnahme SMK / Stellungnahme KSGR


Impressum | Sitemap